Coffee Coaching - HP e Microsoft Blog in Italiano
Coffee Coaching – Pausa Informatica. La community HP e Microsoft con soluzioni per le PMI dedicata a tutti i rivenditori

Le novità di Windows Server 2012 R2 (Parte 1)

Microsoft ha da poco annunciato una nuova serie di prodotti che include Windows Server 2012 R2, System Center 2012 R2, SQL Server 2014, Visual Studio 2013, Windows Intune e alcuni nuovi servizi di Windows Azure. Per la realizzazione di questi prodotti Microsoft ha modificato alcuni dei suoi processi interni per costruirli pensando innanzitutto al cloud.

 

Pensare al cloud per Microsoft significa progettare funzioni che garantiscano scalabilità, sicurezza e semplicità su servizi cloud a larga scala.

 

Di seguito vediamo le innovazioni che Microsoft ha introdotto con 2012 R2.

 

                       

 r2.png

Grande, media, piccola impresa o service provider. Windows Server 2012 R2 aiuta la vostra impresa a costruire una struttura cloud ottimizzata.

 

Scenari specifici per ciascun cliente dall’inizio alla fine

Con il ciclo meccanico di Windows Server 2012 R2 e System Center 2012 R2, Microsoft ha sviluppato diversi processi di ingegnerizzazione, esecuzione e qualità che si basano su scenari di diversi clienti. Partendo da Windows Server 2012 (per poi espandersi con Windows Server 2012 R2), Microsoft utilizza uno specifico scenario cliente per poter pianificare, valutare le priorità, progettare, implementare e convalidare le soluzioni offerte sul mercato.

 

Rendere gli utenti più produttivi e proteggere le informazioni

Con R2, Microsoft ha aggiunto molte nuove funzioni valide per Windows, Windows Server, System Center e Window Intune: tutte funzioni che permettono ai clienti di abbracciare la consumerizzazione dell’IT permettendo scenari Bring Your Own Device (BYOD). Con l’ultima ondata di annunci, Microsoft vuole aiutare i clienti a:

-          Abilitare gli utenti;

-          Unificare l’ambiente IT;

-          Proteggere i dati.

 

 

People-centric IT in Action- Scenari End-to-End

 

Microsoft non ha solo pensato nuove funzioni in un mondo diverso, le ha anche realizzate in maniera diversa. I vari team di progettazione, che si occupano tutti di diverse linee di prodotto e divisioni, si sono messi a collaborare e hanno tutti insieme formato una serie di passaggi di progettazione. Microsoft ha deciso di utilizzare per R2 un approccio progettistico iper-collaborativo, e fortemente strutturato. Il risultato di mille ore spese a lavorare tra i vari team e l’azienda è una nuova suite di prodotti facili da integrare e che permettono gli utenti di approcciare al lavoro meglio che con gli altri tool.   

 

 

Abilitazione di Software Open Source

 

Microsoft ha fatto molti investimenti che permettono ai professionisti IT di trasformare il loro data center in un modello cloud computing con poche mosse. Costruendo l’onda R2 con una open source in testa, Microsoft ha creato una serie di prodotti sempre più adattabili e potenti che mai. L’abilitazione dell’open source è il principio chiave dell’offerta cloud di Microsoft. In questo mondo non ci sono solo clienti che fanno girare carichi di lavoro cruciali su sistemi Linux e UNIX, ma esistono anche molte applicazioni che devono utilizzare componenti open source. Con Windows Server 2012 R2, System Center 2012 R2, e Windows Azure per cloud pubbliche, Microsoft, con Windows, assicura ai professionisti IT la miglior piattaforma per eseguire sia le funzioni di Linux che le funzioni open source.

 

 

Innovazioni Iaas

 

Durante la fase di pianificazione di 2012 R2, Microsoft ha scelto di concentrare gli sforzi sull’abilitazione dei Service Provider per generare una struttura Infrastructure-as-a-Service (IaaS) molto disponibile e scalabile su hardware a costo vantaggioso. Dopo avere esaminato Windows Server 2012 e System Center 2012 SP1, Microsoft ha realizzato che IaaS è un’area cruciale in grado di poter fare la differenza per i loro clienti. Per fornire valore nel rilascio di Windows Server 2012 R2, Microsoft si è focalizzata su due importanti aspetti dell’IaaS:

-          Continuare a guidare l’innovazione nelle stesse infrastrutture per assicurare network, computer e storage non solo a basso costo ma anche facili da usare grazie alla grande integrazione con System Center

-          Fornire delle ottime soluzioni per gli amministratori e per chi utilizza le IaaS

 

 

Service Provider e Tenant IaaS Experience

 

Microsoft lavora per fornire le migliori infrastrutture in modo da fornire la migliore esperienza cliente. Per R2 Microsoft si è focalizzata su due tipi di personaggi principali: il Service Provider, responsabile per l’installazione e le operazioni dell’IaaS e il tenant (o consumatore) che utilizza il Service Provider.

 

Microsoft ha definito 4 scenari chiave di indirizzamento per il Service Provider su 2012 R2: gestione delle offerte di provider ed iscrizione dei consumatori, customizzazione self-service per i consumatori, automazione per creare efficienza, politica guidata e processi consistenti per i Service Provider e risorse di utilizzo, contro e dati per i consumatori.

 

Inoltre, 2012 R2 fornisce un’esperienza consistente per i consumatori sia in cloud private, host e cloud pubbliche Windows Azure, che Microsoft ha raggiunto fornendo un framework consistente e un set di tool ideali per le infrastrutture moderne. Gli scenari target di Microsoft per la tenant administrator experience erano il portale tenant self-service, un sito internet moderno, scalabilità automatica e risoluzione automatica delle macchine virtuali.  

Inserisci un commento
Assicurarsi di immettere un nome univoco. Impossibile riutilizzare un nome già in uso.
Assicurarsi di immettere un indirizzo e-mail univoco. Impossibile riutilizzare un indirizzo e-mail già in uso.
Immettere i caratteri visualizzati nell'immagine riportata sopra.Immettere le parole che si sentono.
Cercare
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Vuoi dire 
About the Author
Graduated in International Economics with specialization in Marketing. Working in HP since 2007, Digital Marketing Lead from 2010. Speakin...


Follow Us
The opinions expressed above are the personal opinions of the authors, not of HP. By using this site, you accept the Terms of Use and Rules of Participation